XII Sinodo Cefalù

image-245

INFO & CONTATTI

sinodo@diocesidicefalu.org

+39 0921 926320

Sinudu

2021-02-24 14:16

Sinodo diocesano

Sinodo,

Sinudu

Una poesia di Salvatore Piazza

Sinudu voli significari: insiemi caminari:
tutti semu chiamati a rinnuvari,
la matri chiesa, ’nta la carità a migliurari
e la santa Parola di lu Vangelu siminari.


Sinudu: parola antica ma sempri nova
pi la Chiesa chi camina e si rinnova,
parola e profezia ricca e priziusa
chi fa di la matri Chiesa la vera spusa.


Quannu lu Viscuvu Giuseppi
misi pedi ‘nta sta terra di Cifalù,
lu sò primu pinseru fui affidari
tuttu e tutti alla Matri di Gesù.


Davanti a Maria di Gibulimanna,
s’addinucchiò, lu sò viso cuntimplò,
lu cori ci grapiu, in priera si mittiu:
si fici conquistari di sta Matri universali.


E ‘nta stu locu anticu e assai canusciutu,
li Frati Cappuccini lu rinneru riccu di storia,
fidi, paci e santitati e lu Viscuvu Giuseppi
assai speranzusu alla bedda Matri chiesi aiutu.


A li pedi di la nostra gran Signura,
lu sò cori di Pasturi ascutatu si sintiu,
ripinsò a li paroli di lu Crucifissu,
chi dissi “ Cca cumanna la Matri mia”.


Lu Pasturi Giuseppi nicu nicu si fici
ma assai filici sintiu lu Santu Spiritu alitari
e cunfurtatu di sta prisenza santificanti
a lu Sinudu pinsò a Maria stu disiu ci affidò.


Nui cristiani di oggi semu scuraggiati,
affranti, scantati e puru timurusi:
stamu ammucciati ‘nta li nostri chiesi
ricchi di cummirità arristannu chiusi.


Comu li discepuli scantati di Emmaus
pi la strata discurrianu c’avia accadutu;
Gesù di pilligrinu vistutu a iddi s’avvicinò
e cu la Santa Scrittura l’illuminò e cunfurtò.


Lu divinu pellegrinu lu cori ci grapiu:
tantu ardeva ca a la tavula lu invitaru.
e ci dissuru: “oramai lu suli cuddò,
resta cu nui Signuri e unni lassari cchiù.”


Ma comu pani e vinu binidiciu,
d’avanti alla vista d’iddi scumpariu;
Lu ricanusceru, di lu cori un gridu
di gioia e chiantu ci nisciu, e dissiru:


“E’ lu Signuri, lu Maistru divinu,
di la morti vincituri!”


Forza e curaggiu allura ripigliaru,
indietro turnaru e a tutti annunziaru
cun l’animu cuntenti “Diu ti ama,
Cristu di la morti abbrivisciu veramenti!”


Ora tocca a nui iri tra li genti:
comu lu Patri onnipotenti mannò
‘nta lu munnu lu sò Figliu Redenturi,
accussi puru nui annunciamo a tutti
“Gesù è lu veru Sarbaturi!”


O santa Chiesa ca sinni in Cifalù,
grapi lu cori a Cristu Gesù.
Vai avanti e ‘ndietru nun guardari:
lu Spiritu Santu ti voli rinnovari.
Lassiti conquistari alla santa novità
di profetari in fidi, spiranza e carità.

 

Dedicata al nostro amatissimo padre Vescovo Giuseppe Marciante, nella felice ricorrenza della sua nomina a Vescovo di Cefalù.
Lascari 5 Febbraio 2021. Festa di sant’Agata vergine e martire. Diac. Salvatore Carmelo Piazza

Diocesi di Cefalù @ All Right Reserved 2020​

logocolordiocesi
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder